ottobre 15, 2020

Showcar Renault MÉGANE eVISION: IL FUTURO ELETTRICO

Oggi, Renault scrive un nuovo capitolo della sua storia con un’innovativa showcar, pionieristica ed ambiziosa: Mégane eVision, che preannuncia una nuova generazione di veicoli elettrici basati sulla nuovissima piattaforma modulare CMF-EV.

Mégane eVision sfrutta al meglio le possibilità offerte dalla nuova piattaforma dell’Alleanza. Questa berlina dinamica possiede, ad esempio, una delle batterie più sottili del mercato e un nuovo gruppo motopropulsore ultracompatto che aumentano l’abitabilità. La tecnicità di alcuni dettagli e la firma luminosa, invece, ne sottolineano la modernità. Mégane eVision rompe i codici tradizionali a livello di utilizzo, proporzioni, design, ma anche di efficienza energetica.

Questo veicolo del futuro diventerà presto una realtà. Il modello di serie derivato dalla showcar sarà presentato nel 2021.

COMUNICATI STAMPA Contatti stampa Documento Media

INTRODUZIONE

MÉGANE eVISION, il futuro elettrico

Renault, primo costruttore francese a livello mondiale, continua ad innovare da oltre 120 anni. Che siano tecnologiche, sociali oppure ambientali, non mancano certo le sfide nel settore automobilistico. Queste evolvono e costituiscono la forza motrice dello sviluppo di Renault.

Da qualche anno, l’auto non è più vista come un semplice mezzo di trasporto individuale, ha assunto una nuova dimensione, diventando uno spazio di mobilità e condivisione, nonché un oggetto sempre più connesso. Renault ha ben presto preso consapevolezza di questa trasformazione. All’inizio dell’anno, la Marca ha tracciato i contorni di un sogno chiamato MORPHOZ. Una concept car elettrica, versatile, modulare, autonoma e connessa, per i nuovi utilizzi della mobilità.

Oggi, Renault scrive un nuovo capitolo della sua storia con un’innovativa showcar, pionieristica ed ambiziosa: Mégane eVision, che preannuncia una nuova generazione di veicoli elettrici basati sulla nuovissima piattaforma modulare CMF-EV.

Mégane eVision sfrutta al meglio le possibilità offerte dalla nuova piattaforma dell’Alleanza. Questa berlina dinamica possiede, ad esempio, una delle batterie più sottili del mercato e un nuovo gruppo motopropulsore ultracompatto che aumentano l’abitabilità. La tecnicità di alcuni dettagli e la firma luminosa, invece, ne sottolineano la modernità. Mégane eVision rompe i codici tradizionali a livello di utilizzo, proporzioni, design, ma anche di efficienza energetica.

Questo veicolo del futuro diventerà presto una realtà. Il modello di serie derivato dalla showcar sarà presentato nel 2021.

Più di un nome, una visione

Mégane eVision (che si pronuncia “Mégane i Vision”) reinventa il mercato cuore di Renault. Rappresenta il futuro della categoria delle “compatte”, in cui affonda decisamente le sue radici per abitabilità e dimensioni interne. Mégane eVision continua la storia di Mégane, modello chiave della gamma Renault da 25 anni, proiettandola con decisione nella modernità.

Questa showcar incarna la prima fase di una svolta, al tempo stesso emotiva (design), innovativa (abitacolo) e tecnologica (elettrica), che si verifica in un momento in cui anche le esigenze dei clienti stanno cambiando. Con Mégane eVision, Renault continua a svolgere il suo ruolo di innovatore e creatore di auto da vivere e lo fa migliorando ulteriormente ciò che ha sempre fatto la forza di Mégane, un riferimento per il suo segmento: piacere di guida, comfort e serenità. A tutto ciò si aggiungono importanti novità come il design Coup de Cœur, l’inedita abitabilità data dalla lunghezza e tutti i vantaggi connessi alla motorizzazione elettrica.

Renault rivendica così la continuità con la sua storia e i successi associati al nome Mégane, proponendo la sua visione di un futuro che si può già toccare con mano e che sarà accessibile a tutti.

«Grazie alla nostra nuovissima piattaforma CMF-EV sviluppata dall’Alleanza, abbiamo sovvertito i codici del design, dell’architettura, dell’efficienza energetica e degli utilizzi per immaginare la showcar Mégane eVision. Con la batteria più sottile del mercato, una carrozzeria compatta da 4,21 metri che offre l’abitabilità dei veicoli del segmento C, Mégane eVision è un fantastico gioco di magia! Abbiamo posizionato nel futuro uno dei nostri modelli più iconici. Mégane eVision reinventa Mégane, e Renault reinventa Renault. È solo l’inizio, sta arrivando una nuovissima generazione di veicoli elettrici innovativi.»

Luca De Meo, CEO del Gruppo Renault

 

VISIONE

Una nuova generazione di veicoli elettrici

Renault, costruttore di riferimento per i veicoli elettrici

Renault può contare su dieci anni di esperienza nella progettazione, produzione e vendita di veicoli elettrici, per proporre ai suoi clienti nuovi modelli dai molteplici vantaggi: meno inquinamento, risparmio in fase di utilizzo, poca manutenzione da prevedere, motore silenzioso, ecc. Oltre 30.000 dipendenti della Marca, in tutta la rete europea, vantano una formazione specifica sulla mobilità elettrica.

In Europa, infatti, Renault è leader del settore e beneficia della fiducia di una clientela sempre più numerosa. Oltre 300.000 veicoli elettrici sono già stati venduti da Renault nel Vecchio Continente dal lancio di questa gamma. In cumulato dal 2010, ciò equivale a un veicolo elettrico venduto su cinque.

Per raggiungere questo risultato, Renault ha sviluppato un’offerta differenziata che copre una grande varietà di esigenze dei suoi clienti: la versatilità della vita quotidiana con ZOE, la micro-mobilità con Twizy, le consegne dell’ultimo miglio con Kangoo Z.E. e Master Z.E e, più di recente, l’agilità urbana con Twingo Electric.

Quest’offerta di modelli elettrici continuerà ad arricchirsi per proporre maggiori possibilità di scelta e per rispondere ad utilizzi sempre più numerosi. A cominciare dal modello di serie derivato da Mégane eVision, che sarà svelato l’anno prossimo.

 

Una nuova gamma e nuovi servizi in arrivo

La showcar Mégane eVision darà origine ad un veicolo disponibile esclusivamente con motorizzazione elettrica. Sarà il primo di una nuova famiglia di modelli elettrici Renault, dinamici e versatili, sempre più in sintonia con il lifestyle e gli utilizzi dei singoli utenti. Questa futura gamma, dotata delle ultime tecnologie ed innovazioni a livello di batterie e ricarica, punta a conquistare un pubblico sempre più ampio in quest’epoca di maggior consapevolezza ecologica. 

La nuova generazione di veicoli savvarrà di servizi connessi d’avanguardia. Si inserirà in un ecosistema elettrico a sua volta in crescita, per accompagnare non solo gli utenti nel soddisfacimento delle loro esigenze, ma anche tutta la società nella transizione energetica.

Contribuirà, ad esempio, allo sviluppo del cosiddetto smart charging (o ricarica intelligente) per bilanciare la rete elettrica e aiutare gli utenti a risparmiare energia. La ricarica della batteria potrà essere effettuata al momento giusto grazie alla connettività del veicolo, evitando i sovraccarichi della rete elettrica e favorendo l’utilizzo delle energie rinnovabili. Un’altra tecnologia in corso di sviluppo, il V2G (Vehicle-to-grid), invece, permetterà ai veicoli parcheggiati o in ricarica di esportare nella rete elettrica una parte dell’elettricità contenuta nella batteria.

CMF-EV: una piattaforma modulare elettrica  

Progettata da Renault-Nissan-Mitsubishi, la nuova piattaforma modulare CMF-EV fungerà da base per i prossimi veicoli al 100% elettrici di Renault. Faciliterà la produzione, lo sviluppo e l’ottimizzazione delle performance elettriche di tutti i nuovi modelli.  

La piattaforma CMF-EV offre molti vantaggi rispetto alle tradizionali piattaforme utilizzate per i veicoli con motore a combustione interna o motorizzazione mista termica/elettrica. Dispone, ad esempio, di un vano motore ridotto, dato che i componenti dei motori elettrici sono più compatti rispetto a quelli dei veicoli a motore Diesel o benzina. Con un passo più lungo e ruote posizionate ai quattro angoli del veicolo, diventa possibile liberare volume da riutilizzare a vantaggio dell’abitabilità e del design. 

Grazie alle tecnologie rivoluzionarie e alle batterie dotate di maggiore capacità, la piattaforma CMF-EV offre ai clienti anche la possibilità di aumentare l’autonomia dei futuri veicoli elettrici, riducendo i tempi di ricarica. Inoltre, anche la dinamicità e il piacere di guida risultano incrementati, grazie al telaio rivisitato e al centro di gravità ribassato con l’installazione delle batterie sotto al pianale.

Per il Gruppo Renault, questa nuova fase dello sviluppo delle sue competenze elettriche si concretizzerà in nuove sinergie con i partner dell’Alleanza e in importanti economie di scala.

 

Basta vincoli

Immagina un veicolo che infrange tutte le regole. Un oggetto futuristico che, di per sé, non rientra in nessuna categoria. Più ti avvicini e più te ne rendi conto. La silhouette di questa showcar, compatta e dinamica, ricorda tanto per cominciare una berlina stilosa e aerodinamica. Il frontale e il cofano muscoloso abbinati alle grandi ruote trasmettono immediatamente un’idea di robustezza. Alcuni dettagli ne tradiscono l’identità elettrica e hai un solo desiderio: partire con lei per una mèta lontana.

La showcar Mégane eVision è un veicolo ispiratore, che trasmette emozioni e ti conquista a prima vista con il suo design inedito e le proporzioni insolite. Suggerisce piacere, modernità e tecnicità e fissa nuovi standard a livello di abitabilità. Dimostra che la futura generazione di veicoli elettrici Renault si libererà da molti vincoli, andrà oltre i segmenti tradizionali, per reinventare ciò che dev’essere un veicolo che rientra nella categoria delle berline compatte.

Minima carbon footprint e massima abitabilità

Grazie alla piattaforma CMF-EV, i futuri veicoli elettrici Renault offriranno maggiore modularità ed abitabilità, senza dover necessariamente essere più alti o più lunghi; è ciò che dimostra la showcar Mégane eVision. Nonostante la lunghezza contenuta (4,21 m), è in grado di offrire ai passeggeri un’abitabilità e capacità di utilizzo degne dei veicoli del segmento C – che sono tradizionalmente dai 15 ai 30 cm più lunghi – facilitando, al tempo stesso, la circolazione in ambiente urbano. Mégane eVision è, in poche parole, un veicolo che sfida i codici dei segmenti tradizionali.

Autonomia e velocità di ricarica ottimizzate

L’autonomia dei veicoli elettrici, in genere, dipende dalle dimensioni e dalla capacità di contenere batterie più o meno voluminose.

Un altro vincolo di cui Mégane eVision può tranquillamente fare a meno. È infatti dotata di una batteria ultrasottile da 60 kWh che le consente di essere più bassa e, pertanto, più aerodinamica e che riduce sensibilmente il consumo di elettricità. Con il caricabatterie DC (fino a 130 kW), inoltre, i tempi di ricarica sono super veloci.

Proprio per questo, la showcar Mégane eVision vanta capacità su strada e autostrada che, di solito, sono tipiche dei veicoli di dimensioni superiori, nonostante le proporzioni esterne compatte. Non rientra, quindi, nelle categorie tradizionali.

Design inedito

Pur combinando gli elementi stilistici di citycar, SUV e persino coupé, Mégane eVision resta una berlina dinamica e moderna, con nuove proporzioni e tratti audaci. Muscolosa, ma relativamente bassa, è molto aerodinamica, con grandi ruote più sottili di quelle solitamente montate su auto di queste dimensioni. La nuova famiglia di veicoli elettrici Renault potrà contare su questo stile innovativo, che promuove la personalità, ma anche l’efficienza e il benessere degli occupanti.

VEICOLO

Un design Coup de Coeur  

Al centro della strategia design di Renault

Mégane eVision rientra pienamente nella strategia stilistica di Renault, grazie al suo design che associa forme morbide e fluide ad elementi molto sottili e precisi. Incarna anche l’evoluzione del design con la fusione tra sensualità, tecnicità ed aerodinamica. Un’evoluzione che era già stata preannunciata da MORPHOZ, da cui Mégane eVision trae ispirazione. La precisione dei dettagli della showcar, che riflettono il suo contenuto elettrico e tecnologico, lasciano intravvedere lo spirito della nuova generazione di veicoli elettrici Renault.

Proporzioni da berlina dinamica  

Il design della showcar Mégane eVision è nuovo nelle proporzioni e molto moderno. Con le sue grandi ruote, l’altezza della scocca pronunciata e l’impressione di robustezza che ne deriva, eredita a livello di look, ad esempio, alcuni attributi tipici dei SUV. La compattezza, gli sbalzi molto ridotti e il passo ampio la fanno assomigliare più a una berlina urbana. Il suo design rimanda anche al mondo delle coupé con lo spoiler integrato nella parte alta del cielo e la presenza del diffusore in alluminio sotto il paraurti.

Tetto flottante

Il tetto di Mégane eVision si distingue per la tinta dorata Gold, che procede sfumando dal montante del parabrezza anteriore conferendogli un aspetto leggero e fluttuante. Il tetto accentua l’impressione aerodinamica del veicolo creata dalle linee profilate dell’abitacolo. 

Cofano bombato

Il cofano della showcar, movimentato da due prese d’aria, è bombato e molto scolpito. Contribuisce a conferire personalità al veicolo. Il contorno continuo fino al centro della calandra sottolinea l’identità del logo Renault valorizzandolo, proprio come la parte superiore.

Ruote aerodinamiche

Proprio come la concept car MORPHOZ, anche Mégane eVision è dotata di grandi ruote che riprendono il tema aerodinamico. Questo si nota, innanzitutto, nel disegno dei cerchi da 20”, a forma di pale d’elica. La parte esterna è chiusa il più possibile ed allineata con la carrozzeria per incrementare l’aerodinamica ed ottenere più efficienza limitando le turbolenze. Allo stesso modo, le ruote – come una parte degli pneumatici 245/40 ZR 20 – sono ricoperte da copridadi da 21”, completati da flap aerodinamici mentre le linee decorative sfumate ricordano quelle delle griglie inferiori.

Passaruota pronunciati

I passaruota migliorano il rapporto visivo del veicolo. Lisci e verniciati nero lucido, conferiscono a Mégane eVision un look elettrico molto urbano.

Frontale

Il frontale di Mégane eVision è molto scolpito, elemento che contribuisce a creare un effetto di volume. Le prese d’aria sono concentrate verso il basso mentre i gruppi ottici sottili sono connessi tra loro da un trattamento molto visuale, in stile 3D, in corrispondenza della carrozzeria. Al centro, il logo Renault si illumina sottolineando la motorizzazione elettrica del veicolo.

Griglie

Il tema delle griglie, vera e propria carta di identità elettrica, già presente nella concept car MORPHOZ, ricorda il mondo dell’hi-fi. Situate nella parte bassa del frontale e sulle fiancate del veicolo, le griglie sono state sottoposte a un trattamento liscio per essere posizionate a filo della carrozzeria.

Gruppi ottici più sottili

Tra i tanti dettagli di precisione e tecnicità che si ritrovano in Mégane eVision, i proiettori sono quelli più visibili. Più sottili, beneficiano della tecnologia LED a matrice e conferiscono maggiore vivacità al frontale. Questa firma luminosa molto elettrica, che si ritroverà anche sul modello di serie, contribuisce, peraltro, a dare un’impressione di maggiore larghezza della carrozzeria.

Prese d’aria del paraurti

Le prese d’aria laterali situate nella parte bassa del paraurti anteriore contribuiscono ad incrementare l’efficienza aerodinamica del veicolo. Creano una vera e propria cortina per migliorare il flusso dell’aria nei passaruota ed hanno la stessa tinta Gold del tetto.

Sportellino luminoso

Il logo Renault compare, come su MORPHOZ, sul profilo di Mégane eVision e sullo sportellino della ricarica elettrica. Quest’ultimo, che è trasparente, si illumina grazie ad una spia luminosa che indica il livello di ricarica.

Posteriore

Il posteriore di Mégane eVision è ampliato dalla fascia luminosa dei fari che si estende per tutta la larghezza del veicolo inquadrando il logo Renault. I fari riprendono il principio di incrocio dei fasci LED dei proiettori, creando un effetto filigranato che conferisce maggior volume e tecnicità alla firma luminosa.

Il posteriore aggiunge dinamicità e grande fluidità visiva alla silhouette del veicolo.

Un riferimento storico

La grafica della E situata alla fine di “Mégane” nella prima parte del nome del veicolo è diversa da quella delle altre lettere. Questa E, che sta ad indicare la motorizzazione elettrica e la firma E-TECH, si distingue per il colore Gold uguale a quello del tetto e fa riferimento, per la forma e le strisce nere parallele, al logo Renault del 1972, disegnato da Victor Vasarely.

Tinte metallizzate

Mégane eVision è un veicolo bitono. La carrozzeria veste una tinta grigio satinato denominata Gris Schiste Mat (grigio scisto opaco), mentre il tetto ha un colore dorato Gold. Progettata ispirandosi alle tinte metallizzate delle ultime concept car Renault e a certe apparecchiature elettroniche, aggiunge una dimensione elettrica al giallo storico di Renault. Si ritrova in alcuni dettagli tecnici del veicolo, come le prese d’aria del paraurti anteriore, le pinze dei freni e i badge di alcuni elementi della carrozzeria.

L’onnipresenza del flush  

Con le sue linee fluide e gli effetti di trasparenza, la showcar Mégane eVision trae ispirazione direttamente da MORPHOZ. L’idea del flush o “superfici lisce” è rafforzata dalla scelta delle maniglie a filo delle porte. Essendo elettriche, si aprono automaticamente non appena il conducente e i passeggeri si avvicinano e, quando non sono utilizzate, scompaiono letteralmente nella fiancata dell’auto. Anche le prese d’aria laterali aerodinamiche e il posteriore sportivo con lo spoiler pronunciato riprendono questo leitmotiv.

Una ricchezza genetica elettrica “messa in luce”

Il gioco di luci ed illuminazione valorizza i tanti dettagli elettrici che Mégane eVision ha ereditato. Le animazioni luminose infondono vita alla showcar. L’accessibilità allo sportellino della ricarica, ad esempio, aumenta quando si illumina. Le luci diurne sono state studiate per essere più precise e più presenti nel veicolo. All’anteriore, il logo illuminato rende Renault sinonimo di modernità. Dato che il motore elettrico richiede poco raffreddamento, la griglia della calandra frontale di Mégane eVision è semichiusa. Più in generale, le zone di raffreddamento, gli elementi tecnici e le aree di illuminazione sono state incrementate su tutta la carrozzeria per celebrare la nascita di una nuova generazione di veicoli elettrici Renault.

LIVINGTECH: benvenuti a bordo

Mégane eVision non è una semplice showcar da osservare ed ammirare. È un veicolo che invita al viaggio. Grazie alle innovazioni tecnologiche LIVINGTECH di Renault, si adatta alle esigenze dei passeggeri e facilita gli utilizzi fornendo nuove soluzioni. Si tratta di un’auto intuitiva, intelligente e focalizzata sull’interazione con gli occupanti.

La showcar si scopre in tre momenti diversi, in base a tre scale di lettura.

  1. Innanzitutto, le proporzioni complessive: la silhouette dell’auto si riconosce in lontananza, mentre la sequenza di benvenuto e la firma luminosa suscitano curiosità.
  2. Poi, man mano che ci si avvicina, si scorgono nuovi tratti di luce che danno vita ai contorni. Le superfici prendono forma e appare la nitidezza delle linee.  
  3. Infine, a pochi passi da Mégane eVision, si scorge la precisione dei dettagli e la tecnicità degli elementi, che denotano la natura elettrica del veicolo e, a poco a poco, convergono verso l’interno.
  • LIVINGLIGHTS: una firma luminosa piena di vita che esprime modernità

Più geometrica, più affilata e distintiva, la firma luminosa di Mégane eVision è anche adattiva. Con grande raffinatezza e precisione, disegna linee orizzontali e verticali che si attivano grazie alla tecnologia LED a matrice.

Questa nuova identità visuale denominata “LIVINGLIGHTS” si basa anche su un gioco di animazioni tra le linee. Queste sono attraversate da un’onda scintillante che parte dal logo centrale diramandosi verso le estremità, prima che la firma luminosa prenda posizione. Lo scintillio è accentuato dalla scomposizione in pixel delle linee LED. L’effetto luminoso è pertanto incrementato.

 

  • Sottolineare l’identità del veicolo

Altri effetti luminosi percorrono Mégane eVision per sottolineare le parti riconoscibili del veicolo. Il profilo dei finestrini laterali, che di solito è nero o cromato, qui si illumina per diffondere una luce indiretta che parte dal retrovisore attenuandosi al posteriore. Quest’animazione contribuisce alla firma grafica del veicolo. Nella parte bassa, sulle protezioni inferiori delle porte, compare un badge con la scritta “E-TECH Electric”, che sta ad indicare la presenza delle batterie sotto al pianale.

 

  • Interni che si indovinano 

La sequenza di benvenuto luminosa non è un semplice involucro esterno. Attraverso i finestrini, dai giochi di luci si possono indovinare alcuni elementi del cockpit. I bordi superiori del display LIVINGSCREEN, ad esempio, si accendono suggerendo il suo profilo ad L. Il nome Mégane eVision compare sul display. Alta tecnologia e modernità sembrano mettersi al servizio del sogno e del desiderio.

 

Personalizzazione del veicolo da remoto

Le sequenze luminose di benvenuto sono tanto più animate se possono evolvere nel corso della vita del veicolo. Saranno personalizzabili grazie ad una tecnologia di tipo FOTA (“Firmware Over-The-Air”). Si tratta di un sistema di aggiornamento e download di contenuti da remoto che consentirà ai software di bordo di evolvere, ma anche di aggiungere nuovi elementi di personalizzazione per il display LIVINGSCREEN e, quindi, anche nuove animazioni per le sequenze di benvenuto.

 

PIATTAFORMA

CMF-EV: una promessa di estetica e performance future

 

«Grazie alle innovazioni tecnologiche che utilizza e alle possibilità che offre la sua modularità, CMF-EV sarà LA piattaforma di riferimento per i futuri veicoli elettrici di Renault e dell’Alleanza.»

Jean-Paul Drai, Direttore Ingegneria dei Progetti Veicoli Elettrici del Gruppo Renault

La piattaforma CMF-EV (dove “CMF” sta per Common Module Family ed “EV” per Electric Vehicles) è stata progettata dall’Alleanza per rispondere specificatamente alle attuali esigenze di mobilità degli utenti. È stata sviluppata in collaborazione con Nissan, partner di Renault, grazie ad un team di ingegneri francesi e giapponesi. La gestione energetica, l’abitabilità e la vita a bordo dei nuovi veicoli elettrici basati su questa piattaforma potranno beneficiare delle innovazioni che porta con sé.

La piattaforma CMF-EV spinge oltre i limiti permettendo, in particolare, l’inserimento di batterie modulabili in lunghezza ed altezza. A partire da questa piattaforma, risulta, pertanto, possibile sviluppare berline basse, ma anche SUV di maggiori dimensioni, che potranno contenere batterie di maggiore capacità. Naturalmente, la piattaforma è modulare anche in lunghezza, per adattare ancor di più la batteria al tipo di veicolo e all’autonomia desiderata. La piattaforma CMF-EV può, quindi, dare origine a veicoli elettrici previsti per gli spostamenti quotidiani periurbani, ma anche a modelli in grado di affrontare lunghi viaggi senza ricarica.

Il veicolo di serie che deriva dalla showcar Mégane eVision sarà il primo modello commercializzato da Renault progettato su questa piattaforma.

Gruppo motopropulsore inedito, tecnologia delle batterie ottimizzata e proporzioni dinamiche

  • Motore elettrico più compatto

Il motore compatto e tutti gli elementi tecnici connessi al motore stesso e alle funzioni annesse del veicolo, che rientrano in un’unica architettura, sono stati concentrati all’anteriore, nel vano motore. Ciò consente di liberare spazio nell’abitacolo e, pertanto, di privilegiare il comfort dei passeggeri. Questo vale, in particolare, per la climatizzazione e contribuisce a rendere la plancia più sottile e arretrata, per una migliore abitabilità.  

  • Batterie più sottili

Le batterie sviluppate per la piattaforma CMF-EV vantano una caratteristica assolutamente innovativa: sono “strutturali”. Ciò significa che sono parte integrante della struttura del veicolo; in particolare, contribuiscono ad assorbire l’energia in caso di urto laterale.  

Le batterie, che potranno essere disposte in vari modi, avranno un maggior o minor spessore, fino ad essere le più sottili del mercato. La sottigliezza consente di progettare veicoli più bassi e, pertanto, più aerodinamici. Questo riduce in modo significativo il consumo di elettricità e crea un effetto virtuoso, in quanto l’autonomia e l’efficienza energetica risultano migliorate.

  • Pianale piatto

L’assenza dello scarico e della trasmissione classica ha permesso di eliminare il tradizionale tunnel che di solito caratterizza i veicoli termici.  Di conseguenza, il pianale dei futuri veicoli progettati sulla piattaforma CMF-EV è completamente piatto, con evidenti vantaggi per l’abitabilità e la modularità interna.

  • Sbalzi ridotti

La compattezza dei motori elettrici sviluppati sulla piattaforma CMF-EV consente di ridurre la lunghezza degli sbalzi anteriori e posteriori. Diventa così possibile posizionare grandi ruote da 18 fino a 20 pollici ai quattro angoli del veicolo. La riduzione degli sbalzi offre nuove possibilità di design e, pertanto, aggiunge un forte valore stilistico ai nuovi veicoli elettrici Renault.

  • Passo più lungo

Il passo più lungo (fino a 2,77 m), reso possibile dalla piattaforma CMF-EV, offre più spazio a bordo e, quindi, reca vantaggio ai passeggeri. Permetterà ai futuri veicoli elettrici Renault anche di contenere batterie più grandi.

  • Altezza ridotta

Con la nuova piattaforma, gli ingegneri e i designer dell’Alleanza privilegiano la progettazione di veicoli più bassi per migliorare l’aerodinamica e ridurre il consumo energetico. Ciò è stato reso possibile dalla diminuzione dello spessore delle batterie che favorisce, al tempo stesso, anche l’abitabilità del veicolo.

  • Diversità

CMF-EV è una piattaforma che punta, innanzitutto, sulla versatilità e sulla performance. Introdurrà una grande diversità nelle future gamme Renault. La sua modularità permetterà, ad esempio, di introdurre un secondo motore al posteriore, cosa che renderà possibile lo sviluppo di modelli più potenti, dotati di 4 ruote motrici.

  • Affidabilità

La piattaforma è stata sviluppata per offrire il miglior livello di affidabilità e di durabilità del mercato. Sono stati effettuati in Francia e Giappone test sui banchi motore e collaudi per oltre 3 milioni di chilometri per convalidare tutti gli elementi tecnici del telaio, degli impianti, del motore e della batteria.

  • Brevetti

Ad oggi, oltre 300 brevetti sono già stati depositati per la piattaforma CMF-EV e il futuro veicolo di serie derivato da Mégane eVision. Questi brevetti coprono una serie di innovazioni applicabili al motore, al sistema di ricarica, alla batteria, alla gestione termica, all’architettura e all’acustica. Il risultato è il frutto delle competenze condivise tra il Gruppo Renault e Nissan per assicurarsi e mantenere la leadership tecnologica nei confronti della concorrenza.

L’efficienza di una piattaforma a bassi consumi

La piattaforma CMF-EV pone l’asticella ancora più in alto a livello di efficienza energetica, grazie ad un certo numero di miglioramenti ed innovazioni.

Se l’accento è stato posto sull’aerodinamica dei futuri veicoli elettrici Renault, anche le performance di ricarica sono state ottimizzate. La piattaforma CMF-EV introduce un sistema innovativo di gestione termica della batteria in un range di temperature molto più ampio. È stato messo a punto un circuito ottimizzato di raffreddamento ad acqua del motore, della batteria e dell’abitacolo. L'Energy Recovery System (ERS) capta il calore del motore e della batteria per diffonderlo nell’abitacolo, consentendo così di non attingerlo dalla batteria garantendo che l’autonomia del veicolo non sia impattata dal freddo. L’energia disponibile viene, così, sfruttata per ottenere il massimo rendimento.

I vantaggi di una nuova generazione nata dalla CMF-EV

Oltre a proporre una grande varietà di veicoli, che vantano tutti un’affidabilità superiore, la piattaforma CMF-EV compie un grande passo avanti a livello di performance, autonomia e comfort per la futura gamma elettrica. 

Performance

Grazie alla piattaforma CMF-EV, sarà possibile puntare sul lato fun dei futuri veicoli elettrici Renault. La tenuta di strada migliorerà, grazie al centro di gravità ribassato. Con il passo più lungo, il rapporto dello sterzo abbreviato e il retrotreno multilink, lo sterzo e il telaio contribuiscono ad incrementare l’agilità migliorando, al tempo stesso, il comfort a bordo. Quest’ultimo sarà favorito anche dalle innovazioni introdotte a livello di acustica, con l’eliminazione delle vibrazioni e dei rumori parassiti. Il motore di Mégane eVision è uno dei più potenti della gamma Renault, indipendentemente dal tipo di energia. Vanta una potenza di 160 kW (l’equivalente di 217 cavalli) ed una coppia di 300 Nm, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di otto secondi. Il piacere di guida è al top, su autostrada e strada o in città.

Autonomia

In termini di autonomia, i veicoli progettati sulla piattaforma CMF-EV potranno contare su un maggior raggio d’azione. La nuova batteria da 60 kWh associata alla ricarica rapida (caricabatteria DC fino a 130 kW) consentirà al futuro modello di serie derivato dalla showcar Mégane eVision di percorrere distanze come Parigi-Lione in tempi paragonabili a quelli dei veicoli termici, soste comprese.

Comfort, spazio e organizzazione interna

Ultimo grande vantaggio della nuova piattaforma: permetterà di incrementare al massimo l’abitabilità interna con posti più spaziosi davanti e più spazio per le gambe dietro. Ad esempio, la piattaforma permette di sviluppare modelli che vantano l’abitabilità posteriore di una berlina mantenendo le dimensioni di una compatta.

Per quanto riguarda la modularità, con una plancia sottile ed essenziale e nuovi vani portaoggetti inediti, gli ingegneri creano un universo assolutamente nuovo, frutto del connubio tra design e funzionalità.

CARATTERISTICHE TECNICHE

 

Lunghezza: 4.210 mm

Larghezza: 1.800 mm

Altezza: 1.505 mm

Passo: 270 mm

Cerchi: 20”

Pneumatici: Continental 245/40 ZR 20

Peso: 1.650 kg

Motore: elettrico 160 kW (217 cv) a rotore avvolto

Trasmissione: 4x2

Ruote motrici: Anteriori

Ricarica: AC fino a 22 kW, DC fino a 130 kW

Batterie: 60 kWh – 400V

 

 

Cenni sul Gruppo Renault

 

Costruttore automobilistico dal 1898, il Gruppo Renault è un gruppo internazionale presente in 134 Paesi, che ha venduto circa 3,8 milioni di veicoli nel 2019. Riunisce oggi oltre 180.000 collaboratori e dispone di 40 siti di produzione e di 12.800 punti vendita e post-vendita nel mondo.

Per far fronte alle grandi sfide tecnologiche del futuro e continuare a realizzare la sua strategia di crescita della redditività, il Gruppo fa leva sullo sviluppo internazionale, la complementarità delle sue cinque marche (Renault, Dacia, Renault Samsung Motors, Alpine e LADA), il veicolo elettrico e l'alleanza, unica nel suo genere, con Nissan e Mitsubishi Motors. Con un team al 100% Renault impegnato dal 2016 nel Campionato del Mondo di Formula 1, Renault trasforma il Motorsport in un vettore d'innovazione e di notorietà della Marca.

 

Link

Sito corporate Gruppo Renault

Sito media Gruppo Renault

Sito Renault eWays

Sito Easy Electric Life

Adoption of Wiztopic’s Blockchain Certification Platform
Al fine di salvaguardare la sua comunicazione, il Gruppo Renault certifica i suoi contenuti con Wiztrust dal 20 febbraio 2020. Puoi verificare l'autenticità delle nostre informazioni sul sito web www.wiztrust.com.

Contatto Stampa

FRitrova qui le foto e gli album video corrispondenti alle nostre ultime attualità

Documento

Media

News alert
ISCRIVITI ALLE NEWS ALERT PER RIMANERE AGGIORNATO
pagebuilder.components.cta.text